Nelle fasi fenologiche di spigatura, antesi e maturazione in una stagione caratterizzata da numerosi eventi piovosi i cereali possono essere particolarmente suscettibili agli attacchi da parte degli agenti delle fusariosi (Fusarium graminearum, Fusarium culmorum, Fusarium avenaceum, Fusarium poae e da Microdochium nivale) con particolare attenzione che deve essere rivolta al momento della fioritura. L’attacco fungineo comporta solitamente un disseccamento precoce delle spighette che appaiono biancastre e che alla trebbiatura è riconoscibile dalle cariossidi che possono avere una tonalità sul grigio o rosata. Si evince come la fusariosi della spiga sia una malattia complessa, conosciuta da molto tempo ma che anche oggi deve necessariamente essere controllata poichè in condizioni sfavorevoli potrebbe portare ad una perdita di produzione anche del 45%. Non ultima è la problematica legata alla potenziale produzione di micotossine (DON), nocive per i cereali prima ma anche per l’uomo e animali poi nel caso le cariossidi infette vengano processate.
In questo interessante articolo su JOUST, Nufarm propone una soluzione affidabile per fronteggiare questa pericolosa avversità: